Nivolumab è un farmaco antitumorale della classe degli anticorpi monoclonali, che attiva si lega alle cellule che esprimono un certo tipo di proteina (soprattutto cellule tumorali) e richiama su di loro l’azione del sistema immunitario, risparmiando le cellule che non la esprimono, per lo più sane.

Il sistema immunitario riconosce tali cellule come non proprie e dunque o le uccide o ne impedisce la crescita e la proliferazione.

Somministrazione di Nivolumab

Nivolumab si somministra endovena ogni due settimane in monoterapia, cioè da solo, senza associazioni con altri farmaci antitumorali.

Il suo utilizzo è stato approvato nel 2018 nei pazienti con tumore della testa e del collo recidivi o metastatici, resistenti a chemioterapia con platino (progrediti entro 6 mesi dall’ultima somministrazione di platino).

Effetti collaterali di Nivolumab

Gli effetti collaterali più comuni sono:

  • Inappetenza
  • Rossore cutaneo (eritema) che provoca prurito
  • Stanchezza (astenia)
  • Reazione allergica, reazioni correlate all’infusione del medicinale
  • Alterata funzione tiroidea come deficit (ipotiroidismo) che può causare stanchezza o aumento di peso, o eccessiva attività (ipertiroidismo) che può causare accelerazione della frequenza cardiaca, sudorazione e perdita di peso
  • Aumento degli zuccheri nel sangue (iperglicemia/diabete)
  • Infiammazione dei nervi che causa intorpidimento, debolezza, sensazione di formicolio o dolore bruciante alle braccia ed alle gambe; mal di testa, capogiri
  • Aumentata pressione sanguigna (ipertensione)
  • Infiammazione dei polmoni (polmonite), con difficoltà nel respirare (dispnea) e tosse
  • Infiammazione dell’intestino (colite), diarrea fino alla perforazione intestinale
  • Alterazione del colore della pelle con chiazze (vitiligine), pelle secca, arrossamento della pelle
  • Assottigliamento dei capelli
  • Dolori diffusi ai muscoli (miopatia), alle ossa e alle articolazioni
  • Gonfiore generalizzato (edema)
  • Insonnia
  • Mal di testa (cefalea)

Gli effetti collaterali meno frequenti

  • Squilibri ormonali a carico dei surreni (ghiandole situate sopra i reni), funzionalità ridotta (ipopituitarismo) o infiammazione dell’ipofisi (ipofisite), ghiandola alla base del cervello
  • Infiammazione del fegato (epatite) associato talvolta a Ingiallimento della pelle e/o degli occhi (ittero)
  • Infiammazione del pancreas (pancreatite)
  • Infiammazione dei nervi (polineuropatia o miastenia)
  • Infiammazione dell’occhio con arrossamento, dolore e calo della vista
  • Alterazioni del battito cardiaco (aritmie) in particolare tachicardia (ritmo veloce)
  • Infiammazione dei reni (nefriti e insufficienza renale acuta)
  • Alterazione della quantità di sali minerali nel sangue come magnesio, calcio ,potassio e sodio
  • Infiammazione e rigonfiamento di un linfonodo (linfadenite di Kikuchi)
  • Infiammazione dello stomaco (gastrite)
dr.ssa Aurora Mirabile
Latest posts by dr.ssa Aurora Mirabile (see all)